giovedì 28 ottobre 2010

Sopravvissuta

La prima cena dello studio è andata. Non noia mortale ma preferivo stare a casa con la borsa dell'acqua calda.
Ma la cosa agghiacciante è che mi hanno raccontato delle "cene degli auguri" che ogni anno il capo indice (a sue spese - almeno quello) in super mega ristoranti di lusso con dress code.
Ecco, proprio per quel giorno lì mi auguro un bel raffreddore.
Non gliela faccio.

4 commenti:

  1. come ti capisco, non c'è niente di più mortificante delle cene tra colleghi...non basta che li vedi tutti i giorni in ufficio, pure la sera te li devi puppare e devi pure fingere di divertirti sennò ti poi diventi una reietta...vabbé, per fortuna tutto passa...

    RispondiElimina
  2. Il dress code è un modo elegante per far spendere soldi in vestiti che poi non si rimettono mai. Non fare quell'errore!

    RispondiElimina
  3. si, sempre meglio del mal di denti, ma che due bolle!

    RispondiElimina
  4. E le cene per le festività natalizie dove le lasci? A quelle a cui partecipo io ci manca solo l'applauso finale ;(

    RispondiElimina

Si pregano i Signori Commentatori di firmarsi sempre, di inserire il link al proprio sito (se c'è) e di evitare offese inutili (e anche quelle utili). Grazie.

(Please sign your comments, thanks)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails