giovedì 29 aprile 2010

My First One (4/54)

La mia prima macchina fotografica è tutta stinta, è tenuta insieme dal nastro adesivo, deve avere un rullino per funzionare e il flash si collega con un cavo.
Ed è bellissima.
(all rights reserved)



Tutti a me.

Ore 8.45 - ferma al semaforo - in sella allo scooter.
Mi si affianca uno - in scooter pure lui.
Mi fa: "Stamani hai fretta eh!"
Io la mattina non sono particolarmente loquace, nè brillante e gli rispondo con un intelligentissimo: "Mmh?"
Questo insiste: "STAMANI HAI FRETTA. E' LA TERZA VOLTA CHE TI SORPASSO E TANTO SEI ARRIVATA AL SEMAFORO PRIMA DI ME! MA DA DOVE PASSI???!"
Io lo guardo come se fosse un alieno e mentre dentro di me penso ma che cazzo vòi???, rispondo con un altro acutissimo "Eh.. eh..."
Poi scatta il verde e parto a razzo.

Lover Mine - J.R. Ward

More about Lover Mine

8° libro della serie Black Dagger Brotherwood
(di cui è uscito in Italia il primo Il Risveglio).

L'abbiamo aspettato come si aspetta il Natale. E' stato persino preceduto da un countdown sul forum Pagine e Parole di FreeFans; grazie a Joan il 27 mattina mi sono svegliata col libro già sul PC in mano.
Sono stati due giorni di tour de force,  ma ne è valsa la pena.
E' bellissimo.
Con tutte le apsettative che avevo credevo mi avrebbe delusa, e invece.
E' coinvolgente e niente affatto scontato, i protagonisti John e Xhex sono talmente vivi che sembrano veri. E se la Ward riesce a portare in fondo la storia fra Blay e Qhuinn con la stessa forza ed originalità dei libri precedenti, tanto di cappello.
5 palle su 5 su anobii. Era da un po' che non succedeva con un urban fantasy
Bello, brava, bis.

mercoledì 28 aprile 2010

Busy Bee

Lo so, lo so.
Sono indietro su tutto.
Ci sono foto da fare, da elaborare, la spesa, il lavoro, le amiche, la casa.
Una marea di roba.
Ma ieri è uscito il libro su John e Xhex e tutto deve essere rimandato.
Chi sa di che parlo, mi capisce.

venerdì 23 aprile 2010

Living Dead in Dallas (Morti viventi a Dallas) - Charlaine Harris

More about Living Dead in Dallas

Libro numero due della serie Southern Vampires; avevo letto il primo anni fa e non l'avevo trovato un granchè bello.
Cioè carino si, ma il protagonista maschile, il vampiro Bill, mi stava un po' sulle balle.
E' un po' troppo sciatto per essere affascinante.
Il ragazzaccio Eric invece aveva un certo appeal anche al tempo.

Poi, tra  il casino che ha fatto la serie televisiva e le ragazzuole che mi dicono leggilo leggilo, mi sono convinta a proseguire, soprattutto per arrivare al quarto libro (dove mi si dice succeda finalmente qualcosa di interessante). 
Certo che però adesso non posso leggere senza immaginarmi Sookie Stackhouse come una dalla testa enorme (definita ormai familiarmente anche Chupa Chups) e con i denti che in mezzo ci passa un gatto a corsa. 
Come non posso esimermi dall'immaginare Bill come uno dai capelli polverosi e Eric come.... Eric.
Il secondo libro dal punto di vista della storia è uguale al primo.
Carino ma ho letto di meglio.
Diciamo che mi ha intrattenuto in lunghe e noiose ore lavor.
E poi ad onor del vero c'è da dire anche che la Sookie di carta è decisamente più simpatica della Sookie televisiva, e recita anche meglio.
E ha la testa decisamente proporzionata al corpo.
Vabbè, leggo anche gli altri.

giovedì 22 aprile 2010

True Blood

Il pesce gatto all'inizio della siglami terrorizza.
E' normale?

mercoledì 21 aprile 2010

Io e Dewey - Bret Witter e Vicki Myron

More about Io e Dewey

Premetto che la scrittrice non è una scrittrice ma una bibliotecaria e si vede che non è abituata a scrivere romanzi; il libro manca un po' di avventura e divertimento ed ironia, più che altro è un lungo racconto, delicato e commovente a tratti, della vita di questa bibliotecaria americana che una mattina trova nella cassetta della restituzione dei libri un micino rosso e lo adotta, facendolo vivere in biblioteca.
Come si faceva una volta (perchè i gatti, nell'antichità, mangiavano i topi che si rintanavano nelle biblioteche).

Da leggere senza aspettarsi troppo. 

Ritiro tutto

Ritiro tutto quello che avevo scritto di quel criminale del mio idraulico.
Mi è arrivata la fattura a casa, sì.
Ma è esattamente 3 (TRE) volte quanto preventivato.
Come un'idiota mi ero fidata e non mi ero fatta fare un preventivo scritto.
A domanda ha risposto dicendo che "ho dovuto pagare anche il muratore" - ragazzetto albanese cui avrà dato al massimo 15 euro - e che comunque il preventivo era iva esclusa.
Io ti auguro solo che ti vadano tutti in medicine, bastardo imbroglione.
Se l'Italia è un paese di merda è per colpa di gente come te, pronta sempre a fregare il prossimo per soldi.

martedì 20 aprile 2010

Diario di una milleurista

17,71 euri sul conto corrente e domani è il 21. eh. Finirà aprile.

...al 21 del mese i nostri soldi erano già finiti.....

lunedì 19 aprile 2010

Sopravvissuta ad un (altro) matrimonio - (3/54)

(all rights reserved)
3/54 - Bomboniera ecological-chic (scelta della settimana per il Project 54)

Le altre scelte erano queste:

Spring in bloom e Self Portrait in the sun
 

venerdì 16 aprile 2010

ECCHCCAZZO

Domani sono di matrimonio ed ho comprato un altro smalto di merda: è l'ultima volta che compro qualcosa solo perchè è color malva!

mercoledì 14 aprile 2010

Kiss of Midnight - Lara Adrian

Here someone had discreetly severed the links with a wire cutter, creating a breach just large enough for a curious adolescent to wriggle trough - or a determinated female photographer who tended to view NO TRESPASSING and AUTHORIZED PERSONNEL ONLY signs more as friendly suggestion rather than enforceable laws.

martedì 13 aprile 2010

*sbavo*

Piove (ancora)

Governo ladro (...)

domenica 11 aprile 2010

Writing in the sand (2/54)

Ero indecisa se mettere le buste di thè o la ragazzina che avevo beccato sulla spiaggia mentre scriveva la settimana scorsa. Ho messo la seconda, ho deciso di uscire dalla mia comfort zone.

Writing in the sand (foto titolare)




















Tea bags (foto in panchina)

21 Guns - Green Day And The Cast Of American Idiot

(brividi in ognidove)

venerdì 9 aprile 2010

E miracolo fu!

La cosa sconvolgente è che ci hanno impiegato esattamente come avevano detto.
In questo momento, pausa pranzo, il mio bagno è libero da idraulici e muratori.
E la cosa più sconvolgente è che mi manderanno la fattura a casa!!!
No, no, non è una promessa vana e vuota... perchè non hanno voluto i soldi!
Hanno detto esattamente così:" Riceverà la fattura a casa dopo di che potrà pagare con bonifico bancario o con assegno in ditta."

Io: commossa, stupita e incredula.

giovedì 8 aprile 2010

Il Piccolo Principe - Antoine de Saint-Exupéry

More about Il Piccolo Principe

Lo avevo letto alle elementari, ma mi ricordavo pochissimo.
Una dolcissima favola per adulti.
Ma certo, noi che comprendiamo la vita, noi che ce ne infischiamo dei numeri!
"Non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi." L'essenziale è invisibile agli occhi, ripetè il Piccolo Principe per ricordarselo.

Temevo.

Ma mai avrei immaginato.
Una bomba a mano avrebbe fatto meno casino.
Ho la polvere anche in orefizi che dovrebbero essere ben ricoperti da strati di vestiario.
Alla mia domanda: "Scusa, per il pagamento come facciamo?"
Il muratore di origini ignote ha risposto con un laconico: "Io non so niente."
Che bello, lavora gratis!
Gentile, sh? ;)
Tutti io li trovo quelli che lavorano gratis....

mercoledì 7 aprile 2010

Ho bisogno di questo!!!

We don’t read and write poetry because it’s cute. We read and write poetry because we are members of the human race. And the human race is filled with passion. And medicine, law, business, engineering, these are noble pursuits and necessary to sustain life. But poetry, beauty, romance, love, these are what we stay alive for. To quote from Whitman, “O me! O life!… of the questions of these recurring; of the endless trains of the faithless… of cities filled with the foolish; what good amid these, O me, O life?” Answer. That you are here - that life exists, and identity; that the powerful play goes on and you may contribute a verse. That the powerful play *goes on* and you may contribute a verse. What will your verse be?
Dead Poet's Society

martedì 6 aprile 2010

La Massima di oggi.

Sono al mondo da un po' e conosco Johnny Depp dai tempi di "21 Jump Street" e non parlo neanche di Leonardo di Caprio in "Genitori in Blue Jeans".
Per cui quando a casa mi squilla il telefono e devo pensare per non rispondere "Buonasera Studio ....", dico che è ora di cambiare aria, prima che sia troppo tardi.

E poi ho una voglia matta di scrivere a penna. Ma non so cosa. E non so con quale penna.
E' un mondo difficile.

lunedì 5 aprile 2010

1/54

(ci provo)

Easter egg - very good to eat- very bad for me

Di ritorno

Il fine settimana pasquale purtroppo è agli sgoccioli... e considerando che ha piovuto sempre sgocciolare non è un verbo scelto a caso.
Sto meditando di aprire un altro tumblr e postare lì tutti gli scatti, belli e brutti, tanto per avere un posto in cui raccolgo cose mie; flickr è bello ma il layout è pessimo e fra poco dovrò iniziare a pagarlo, visto che sto raggiungendo la fatidica quota di 175 e centellino al massimo gli scatti da mettere.
Nel frattempo devo trovare il coraggio di spedire un po' di foto a quel sito lì, dove me le potrebbero anche comprare... non pagano tanto, ma almeno è qualcosa...

Modestia a parte

Lei - A giorni sarà pronto il sito con tutte le mie foto!
Io - Bene... io sto cercando il coraggio di metterne in vendita qualcuna... purtroppo dove avevo pensato di metterle hanno una selezione pesantissima in entrata, non so se le mie passeranno, devo trovare il coraggio in inviarle...
Lei - Dimmelo anche a me il sito, per carità, non sono una che si vanta, ma alcuni dei miei scatti sono da giornale!
Io - Allora perchè invece di lavorare in quel posto che odi tanto non fai la fotografa di professione, se sei tanto brava? Guarda, vai su google e....

giovedì 1 aprile 2010

What are you thinking about?

Mmmhhhh... chocolate.


(all rights reserved)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails