mercoledì 30 giugno 2010

I Segreti di Roma - Corrado Augias

More about I segreti di Roma

Ancora una volta Corrado Augias mi ha stupito per la leggerezza e la maestrìa con cui sa raccontare la Storia e la Letteratura. Con la scusa di raccontare i segreti di Roma mi ha portato in luoghi e tempi sconosciuti, mi ha fatto incontrare personaggi mitici e mai sentiti; da Giulio Cesare a Lucrezia Borgia, dai gerarchi fascisti a Mameli, da Michelangelo a Caravaggio, ai Papi che si sono succeduti sul trono di Pietro – e senza i quali Roma non sarebbe la Città Eterna.
Dal massacro delle Fosse Ardeatine ai casi di cronaca nera più eclatanti, Augias racconta tutto in un libro interessantissimo e scritto con un acume ed una cultura tali, da farmi desiderare di aver partecipato alle ricerche per scriverlo.
Augias è l’insegnante che avrei voluto avere ma che, nella scuola italiana, non esiste.
E se mai è esistito l’hanno fatto scappare.
Consiglio di leggerlo non solo a chi ama Roma, ma anche a chi a Roma non c’è mai stato, oppure c’è stato in visita, c’è vissuto o ci vive tutt’ora. A tutti insomma.

martedì 29 giugno 2010

Ready for Holidays!!! (13/54)

(nella vita bisogna sempre essere pronti a tutto... si sa mai capiti una vacanza all'improvviso e una non sa dove andare... per carità!)
(qusta mi piaceva perchè i colori sono belli acidi)


altra scelta (più soft)

domenica 27 giugno 2010

Chi si loda s'imbroda

Ma quando un'artista legge questo tipo di commenti gongola per una settimana...

Hi ... i just had to sit and soak in awe of how captivating your compositions are to the eye! You are amazingly creative and have captured multitudes of stunning shots! Textures, DOF, color...they are all breathtaking! Thank you for sharing your incredible gift of creativity and talent...perusing through your photo stream is the pause that refreshes! I hope you never tire of hearing the "Wow" about your work....I am sure people don't tire in saying it! Grateful for the walk through your masterpieces! So glad that you are posting them! Just breathtaking! It's a Keeper! Debbie
(Confesso che all'inizio pensavo fosse uno scherzo... poi che volesse vendermi un obiettivo! o magari voleva solo che andassi a vedere il suo photostream - cosa che ho fatto... comunque... a caval donato...)

venerdì 25 giugno 2010

Sizzling sixteen - Janet Evanovich

More about Sizzling Sixteen


Hai avuto una giornata no? E’ un momento difficile? Il tuo fidanzato ti ha lasciato, hai le emorroidi, l’alluce valgo, il gomito del tennista o un dito a martello? Non andare dallo psicanalista, non fare colazione con gli antidepressivi, c’è Stephanie Plum e la sua banda a tenerti su di morale!


“This house looks like a turd,” Lula said. “How could someone live in a all-brown house? You’d think you were going into a turd every day. It’s just my opinion, but I’d find that depressing. When you had company over, what would you tell them? The directions would be to turn off Hamilton and park in front of the house looks like a turd.”

o una nonna come GrandMama Mazur?
O due grandissimi tronchi di albero come Morelli (adoro quest’uomo) 

"Are you working?” I asked him.

"Yeah. I’m riding up and down the street doing cop things.”

e Ranger – adoro anche questo di uomo.
A proposito… cosa ne penso di questa frase? (si faccia una domanda e si dia una risposta)

Ranger shut the Porsche down. “If you looked at me with half as much longing as you’re looking at that Mercedes, I’d take you upstairs and make you wish you never had to leave my bed.”
“Is the Mercedes for me?” I asked.
“Yes.”
“And the bed . . . I’d have to leave eventually, wouldn’t I?”
“Yes,” Ranger said.
“Why do you give me cars?”
“It’s fun,” Ranger said. “And it keeps you safe. Do you want to know why keeping you safe is important to me?”
“You love me?”
“Yes.”
A sigh inadvertently escaped. “We’re really screwed up, aren’t we?”
“In a very large way,” Ranger said.


Penso che la Evanovich voglia confondermi le idee. Una volta che mi decido per uno, mi fa propendere verso l’altro.
Bene, brava, bis!

p.s. so che hanno scelto gli attori per fare Morelli e Ranger e non ce li vedo nessuno dei due. Ma non vedo neanche Izzie come Stephanie. E penso anche che gli addetti al casting non abbiano mai letto una riga della serie.


Maybe I should stop being a bounty hunter and marry Morelli. Of course, Morelli wasn’t sure he wanted to marry me right now, but I might be able to change his mind. I could go over to his house wearing my red thong and a good attitude and catch him at a weak moment. Then we’d get married immediately before he changed his mind. And knowing Morelli, I’d get pregnant. And it would be a boy.
“I’m not naming him Joseph,” I said. “It’s too confusing.”
“Who?” Lula said.
“Did I just say that out loud?” I asked her.


La sostituta

Guarda, in fondo mi dispiace per te che sei venuta a lavorare qui con grandi speranze, non sapendo che è uno studio di stordite.
Sei una brava ragazza, carina, timida e dabbene (come direbbe Jane Austen).
Però.
Quando ti dico 5 volte la stessa cosa e vedi che non te la ricordi, forse (forse) te la dovresti segnare, scrivere da qualche parte, fare un leggero sforzo mnemonico perchè io, se Dio vuole, giovedì sparirò da questo limbo buio di taccagni e me ne andrò in altri lidi.
Peggiori, migliori, questo lo vedremo.
Ma altri.
E non starò qui a dirti, devi fare così o devi fare cosà.
Sarai in balia della MC che non si ricorda neanche il suo nome (solo quello dei figli) e della Tirchia.
Quindi, fossi in te, mi darei una mossa.

p.s. - 6

giovedì 24 giugno 2010

Gli amici si riconoscono nel momento del bisogno

Grazie a Germana e Raffaella che in questi giorni di assenza ADSL mi spacciano libri a go-go non facendomi perdere niente...
Grazie citte!

mercoledì 23 giugno 2010

Maestra di vita/1

Vi spiego.
Gli uomini hanno paura dei chiodi.
Non è colpa loro, è una cosa atavica.
Per cui, se avete decine e decine di foto da appendere e ogni volta che vi vede con il martello in mano si scatena il putiferio, seguite il mio consiglio:
UNO-AL-GIORNO.
Prima appoggiate al muro il quadro o la foto in questione dove intendete appenderla e lasciatelo/a lì, per qualche giorno, in modo che LUI si abitui all’idea (si, come i cavalli).
Dopo un paio di giorni, quando siete da sole, armatevi di chiodi (plurale, si sa, il primo non entra mai dritto) e martello e appendete la foto al muro.
Non si accorgerà di niente.
Garantito.
A meno che non spifferiate tutto su un blog che LUI legge.
In quel caso….

martedì 22 giugno 2010

The Angel’s Game - Carlos Ruiz Zafón

Envy is the religion of the mediocre. It comforts them, it soothes their worries, and finally it rots their souls, allowing them to justify their meanness and their greed until they believe these to be virtues. Such people are convinced that the doors of heaven will be opened only to poor wretches like themselves who go through life without leaving any trace but their threadbare attempts to belittle others and to exclude - and destroy if possible - those who, by the simple face of their existence, show up their own poorness of spirit, mind, and guts. Blessed be the one at whom the fools bark, because his soul will never belong to them.



lunedì 21 giugno 2010

Per farvi capire...

... quello che è la mia vita in questi giorni, vi presento la nostra scrivania:

domenica 20 giugno 2010

Sono indietro (11 e 12/54)

Il trasloco mi sta assorbendo tutte le energie.
Certo, c'è anche il fatto che non abbiamo ancora una linea fissa  e no, queste cazzo di chiavettine non funzionano una mazza.
Cerco di star dietro a tutto, ma è un gran casino.
Soprattutto perchè appena metto piede fuori con uno scatolone si scatena il diluvio- ovviamente appena dentro spunta il sole. Vacca di Nonna Papera.
Non mi scordo però del mio Project 54 e, visto che sono in ritardo, ne posto due insieme.
La prima è Moving out you find the strangest thing (11/54)





E la seconda si intitola New Kingdom (12/54)



Le altre scelte erano queste.

giovedì 17 giugno 2010

The Holiday (L'amore non va in vacanza)



Lovely. Absolutely lovely.
Appena visto. Pensavo che Kate Winslet avesse un accento favoloso, ma non avevo mai sentito Jude Law.
Ehi, Jude... quella deliziosa lisca molto british che hai è da sturbo.
Il film è davvero delizioso comunque.
E voglio vivere nel cottage di Kate Winslet a 40 km da Londra, anche se ci fa freddo e come riscaldamento ha solo due caminetti... ma che bagno!!!


I'm a major weeper

(anche io)

dell'Ignoranza

Non faccio nomi. 
Ma fra i miei contatti di fickr c'è una ragazza americana, insegnante, che fa delle bellissime foto. 
Sta viaggiando in giro per l'Europa - prima Inghilterra, ora Italia.
Ero molto curiosa di vedere i suoi scatti - roba per me vista e rivista - ero sicura fossero (e lo sono) originali. 
Fino a che non mi imbatto in un post.
E' una foto di Castel Sant'Angelo visto dal Tevere, una notturna.
Nel commento c'è scritto una cosa tipo "Questo è Castel St. Angelo di notte - non sono sicura di quello che sia la cupola sul retro però!"
San Pietro, ciccia.
Uno l'ha gentilmente illuminata in proposito ma un altro ha risposto: "Ma è quel posto dove hanno girato Angeli e Demoni?"
Spengere la TV e aprire un libro, noo?

I is for Innocent (I come Innocente) - Sue Grafton

More about I Is for Innocent

La serie si fa via via più interessante; i primi libri erano meno coinvolgenti, ora lo stanno diventanto sempre di più. Quello che mi piace in questi romanzi vintage ambientati negli anni '80, è che Kinsey scrive tutto a mano o con la macchina da scrivere nelle index cards - bianche per i personaggi, gialle per i fatti, rosse per i morti. E' una delle poche cose che mi mancanoin quest'epoca digitale - I heart stationery.

Just back

Appena tornata da 4 giorni di mare - ovviamente 4 giorni nuvolosi, ma caldi e rilassanti, questo è l'importante.
Ora si ricomicia a portar roba su e giù per le scale, che solo a pensarci mi fanno male le gambe. Non ho più l'età per fare traslochi da sola e poi ho troppi maledettissimi libri.
Ovviamente mi ero portata dietro l'ereader - senza filo per ricaricarlo.
Mi ha abbandonato dopo 1 giorno.
Mi ero portata dietro un giallo fisico di Kinesy Millhone e allora mi sono letta quello.
Poi Settimana Enigmistica.
Insomma, quattro giorni di fancazzismo totale, senza telefono, PC, macchina fotografica. Niente.
Ovviamente ogni due secondi vedevo cose interessanti che avrei voluto fotografare.
L'iphone sta diventando indispensabile.
Qualcuno ha da prestarmi un 500one a fondo perduto?

giovedì 10 giugno 2010

Fallen - Kate Lauren

(è stato tradotto anche in italiano con lo stesso titolo)

More about Fallen

Un libro dall'atmosfera molto interessante, un incrocio tra l'amore proibito di Twilight e le atmosfere cupe di un film di Polansky.
Un'adolescente con un terribile segreto che viene mandata in riformatorio dopo un terribile incidente di cui non ricorda niente ma di cui tutti - genitori inclusi - la ritengono colpevole.
Una scuola piena di sorveglianti e telecamere, di alunni strani e sospetti di cui non sai mai se ti puoi fidare.
Un ragazzo bellissimo che ignora tutti ma nel momento del bisogno c'è sempre ed un ragazzo popolarissimo che emana uno strano senso di sicurezza.
Un finale adrenalinico ed assolutamente intrigante.
E' così che cominciano le ossessioni per le saghe.
Chissà come sarà il secondo...

martedì 8 giugno 2010

All together dead (Morti tutti insieme) - Charlaine Harris

More about All Together Dead

Anche questo, come gli altri, non è male; ma neanche particolarmente bene; ho la sensazione che questa serie, anzi questa idea di serie, in mano ad un vero romanziere sarebbe molto meglio.
La Harris, spesso a volte, mi dà l'impressione che abbozzi una storia e poi la pianti lì all'editor per farla un po' abbellire.
Mi delude sempre dal punto di vista dell'adrenalina e delle motivazioni; spero sempre che nel prossimo libro dia qualcosa in più.
Chi visse sperando.....

lunedì 7 giugno 2010

A new beginning (10/54)

Innanzitutto siamo già arrivati alla 10 settimana di questo progetto e ancora non solo non ho finito le idee, ma mi diverto come una matta. Non avrei mai creduto che l'autostimolazione fosse così soddisfacente (non ci sono sottintesi sessuali, giuro).
Comunque la scelta di questa settimana è data da tutti i cambiamenti che stanno avvenendo nella mia vita in questo periodo: casa & lavoro in primis.
A proposito del secondo un colloquio fatto oggi è andato BENE - e c'è la possibilità che non rimanga disoccupata neanche un giorno.
A proposito della prima mentre sabato ero a sistemar libri, mi sono accorta per la prima volta che ci sono almeno 3 stanze con una luce pazzesca - e questo mi fa ben sperare per i prossimi scatti.
Comunque la scelta ricade sullo scatto che ritrae la luce che filtra attraverso le tende e color malva della camera da letto:

































le altre scelte (visto che in questo periodo la campagna toscana ne è piena) vertevano sui fotogenicissimi ROTOLI di paglia - elaborati con colorazioni da polaroid anni '60:




martedì 1 giugno 2010

Ridono le bianche trifore del maggior Palazzo antico (9/54)

O per forza o per amore (come diciamo qui, visto che non ho tempo di fare altro: domenica hanno tirato a sorte le contrade del palio di luglio) (all rights reserved)

Le altre scelte erano queste..... (monotema in questi giorni)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails