martedì 31 gennaio 2012

Bloodrose (Nightshade #3) - Andrea Cremer

More about Bloodrose

Terzo ed ultimo capitolo della saga.
Forse è addirittura il peggiore - diciamo che se la gioca con il secondo. La curiosità e l'adrenalina del primo decisamente no ci sono. Per essere il libro della battaglia finale è molto scarso di scene epiche e tutto riesce troppo facile.
Il finale è davvero così così - e pure un po' scontato.
Peccato.
Tre palle ma perchè sono buona.

domenica 22 gennaio 2012

Fifty Shades Freed - E.L. James

More about Fifty Shades Freed

Terzo ed ultimo capitolo della saga.

A dispetto della trama, ci ha voluto dare un happy ending, dopo notevoli peripezie e... altro.
E francamente gliene siamo grate. Way to go Mrs. James!

mercoledì 18 gennaio 2012

Divergent - Veronica Roth

More about Divergent
Ricordatevi queste parole: dopo il filone sui vampiri, adesso è scoppiato il filone dei distopyan.
Il libro, che in realtà fa parte di una serie, è una via di mezzo tra The Hunger Games e Crossed. Non è male, c'è molta azione e anche molta violenza, il flirt di turno e una protagonista giovane ma determinata.
Lo consiglio, ma mi riservo di leggere anche gli altri della serie per vedere se si perde o no.

mercoledì 11 gennaio 2012

Trent'anni e una chiacchierata con papà - Tiziano Ferro

More about Trent'anni e una chiacchierata con papà Questo libro lo vedo in due ottiche diverse: come sforzo di un ragazzo che tira fuori le fragilità che più lo terrorizzano e si mette nudo davanti al mondo - al quale dò un 10; come libro puro e semplice da leggere, scritto sotto forma di diario, al quale dò uno 0 (zero).
Iniziamo da capo: Tiziano Ferro non mi piace tantissimo come cantante, non comprerei un suo CD; quando passano le sue canzoni alla radio le ascolto senza cambiare, ma non è il mio genere.
Avevo però letto da qualche parte che, dopo essere diventato famosissimo in Italia, aveva comprato una casa a Londra e se ne era andato a vivere là, per avere una vita normale.
Ho pensato tra me e me che farei esattamente la stessa cosa: un po' di soldi da parte (anche senza fama) e una casa a Londra. Galvanizzata da questa cosa che abbiamo in comune (io, Tiziano Ferro e altre centinaia di migliaia di persone), ho visto il libro in libreria e l'ho comprato d'impulso.
Sinceramente, 16 euro buttati via.
Sono i diari di una vita che, come dicevo sopra, dal punto di vista umano sono apprezzabilissimi, soprattutto vista la sincerità spietata con la quale sono scritti. E' un vomitarsi addosso tutto quello che pensa di se stesso senza filtri e senza paura di essere giudicato: i diari li scriveva per sè, facendosi mille paranoie perchè nessuno riuscisse a leggerli. E' un grande lavoro introspettivo - soprattutto visto a posteriori.
Dal punto di vista letterario è una noia mortale: per pagine e pagine scrive le stesse cose o si limita a dire sto volando quì, sto volando là, stasera serata con tizio, caio, ecc.... senza spiegare al lettore (al quale i suoi amici sono sconosciuti) il ruolo che ha ogni persona(ggio) nella sua vita - un minimo di spiegazione a parte, se non voleva intaccare i diari con un editing a  posteriori, sarebbe stato apprezzato.
Sinceramente ho fatto fatica a finirlo e no, non lo consiglierei.

venerdì 6 gennaio 2012

A girl with a camera

In the years to come, I'd like her to remember me like this: "My auntie gave me my first camera: it was Christmas 2011..."

A girl with a camera/1

A girl with a camera/2

mercoledì 4 gennaio 2012

Roma - Ezra Pound

Roma - Lungotevere
Roma - Lungotevere


Ezra Pound - Roma

Tu, appena giunto a Roma e cerchi Roma
e non trovi nulla a Roma che puoi chiamare romano
Soltanto a queste mura, ai vecchi archi consunti
ai palazzi involgariti, il nome Roma appartiene.


Vedi, non si sottrae a orgoglio e rovina
neppure chi conquistò il mondo e gli impose le sue leggi,
ora vinta a sua volta e preda del Tempo,
poichè il tempo ogni cosa consuma.


Roma, ultimo ed unico monumento di Roma,
Roma che hai vinto soltanto la città di Roma,
solo il Tevere che il mare  fluisce.


Resta di Roma. O mondo, inconsistente istrione!
Ciò che sta immobile il Tempo abbatte,
ciò che fugge si sottrae al tempo.

lunedì 2 gennaio 2012

Riepilogando un anno di lettura/3

(2010)
(2009)

Primo libro letto nel 2011: Leaping Hearts - Jessica Bird
Ultimo libro letto nel 2011: Fifty Shades Darker, E.L. James

Totale libri letti nel 2011: 68 (96 nel 2010 - 68 nel 2009)

Totale pagine lette nel 2011:  24241  (32511 nel 2009- 27223 nel 2009)

Libri riletti: Innocent in death, J.D.Robb (strano) Harry Potter and the Globet of Fire, J.K. Rowling (stranissimo, anche questo.... -_-;)

Classici letti: nessuno (BUUUUUUUUUUUUUUUUUUUH!!!) - in realtà c'è Sense e Sensibility che è fermo da agosto.... no, dico agosto...

5 palle sono andate a: Memoirs of a Geisha, Arthur Golden - Looking for Alaska, John Green - Innocent in death, J.D.Robb (rilettura) - Mockingjay, Susan Collins - Open, Andre Agassi - Harry Potter and the Globet of Fire, J.K. Rowling (rilettura) - Fifty Shades of Grey, E.L. James - Fifty Shades Darker, E.L. James.

Senza fare classifiche, l'anno letterario è vinto ex aequo da:
Memoirs of a Geisha di Arthur Golden e Looking for Alaska di John Green.
Non sono riuscita a scegliere fra i due: ognuno di essi mi ha fatto provare sensazioni differenti: probabilmente mi è piaciuta di più la storia del secondo (attrae l'adolescente che è in me) mentre il primo ha un'atmosfera ineguagliabile (attrae la viaggiatrice che è in me) - quindi, decidendo come mi pare (essendo la padrona assoluta qui dentro), sono entrambi i vincitori dell'anno letterario 2011.


Auguri a tutti.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails