sabato 23 febbraio 2013

The witness - Nora Roberts

Più riguardo a The Witness

Un poliziotto di una piccola città americana di provincia, una ragazza misteriosa che appare all'improvviso, genio dell'informatica e con pochissima voglia di integrarsi e fare amicizia.
Ha il sapore di qualcosa di letto e riletto mille volte, e in effetti oramai tutti i romanzi di Nora Roberts si assomigliano, lo schema è noto e ben sfruttato.
Ma in qualche modo sono rassicuranti, uno o due all'anno ci vogliono, in un periodo in cui non ho particolarmente voglia di letture impegnate o per svagarmi un po' da queste, e rilassarmi.
Qualcosa che sai come inizia e come va a finire, con un po' di battute divertenti nel mezzo. Un mix ben collaudato, ma sempre valido.
Tre palle.

lunedì 18 febbraio 2013

Sarà che sono particolarmente sensibile all'argomento

A me l'hastag #nellacasadipistorius non mi fa ridere.

venerdì 15 febbraio 2013

Italiani di domani - Beppe Severgnini

Più riguardo a Italiani di domani A me è piaciuto; è breve e positivo, ci sono dei consigli utili, alcuni originali, altri più banali, ma tutto sommato è una lettura piacevole. È un libro che sprona i giovani ad abbandonare le proprie paure, intese come bagaglio troppo pesante per essere portato dietro e che impedisce di partire, abbandonare i propri pregiudizi e le strade fin'ora battute, che oramai non portano più da nessuna parte, se non in luoghi sovraffollati nei quali non c'è più posto, per provare, per necessità ma anche perché è questo che ci si aspetta dalle generazioni più giovani, ad andare dove pochi prima sono andati, a provare ad inventarsi una professione, un lavoro, un'attività che non solo renda economicamente indipendenti, ma anche delle persone soddisfatte e propositive. Tutto quello che Severgnini scrive è condivisibile e saggio, è quello che un padre con un occhio aperto ed esperto dovrebbe dire al proprio figlio quando lascia il nido. Tutto molto bello, poi ovviamente ci si scontra con la realtà, che spesso contrasta o impedisce la partenza (intesa come inizio di qualcosa di nuovo). Più spesso ci si lascia trasportare dalla corrente, zavorrati da troppe paure. Lo dico anche a me stessa.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails