sabato 30 maggio 2015

In cold blood - Truman Capote

Più riguardo a In cold bloodSe cercate il Truman Capote di Colazione da Tiffany, qui non lo troverete. Non troverete l'ironia nè la magia.
In questo libro, considerato (a ragione) un capolavoro, Capote dimostra di essere non solo un gradissimo romanziere, maanche un grande giornalista.
Siamo sul finire degli anni '50 e un fatto di cronaca aberrante sconvolge una piccola cittadina del Kansas: un facoltoso agricoltore della zona, sua moglie e due figli adolescenti sono rinvenuti morti nella loro casa, legati ai loro letti ed uccisi con un colpo di pistola alla testa.
Da questo scabroso omicidio, Truman Capote scrive un racconto avvincente, descrive i protagonisti della vicenda, dalle vittime ai carnefici, dai poliziotti agli amici e tutti coloro che conoscevano la famiglia Cutter, le loro speraze, i loro sogni e le loro azioni.
Si ferma a lungo a dare importanza alla vita di ogni persona coinvolta, dalla figlia adolescente, Nancy Cutter, a coloro che diventeranno il sui assassini.
E' il primo libro del suo genere, che racconta un fatto di cronaca realmente accaduto ma sotto forma di romanzo.
L'ho trovato bellissimo e non sono riuscita a metterlo giù fino alla fine.
Capote non giudica nè vittime nè carnefici nè coloro che li giudicheranno colpevoli infliggendo loro la pena di morte.
La scrittura è lineare, priva di emozioni eppure molto coinvolgente; confesso che ho avuto persino un po' paura.
Dopo averlo letto ho cercato su internet le foto della famiglia Cutter e dei loro assassini, mi sono letta la storia del processo e cercato di immaginarmi le scene.
Niente comunque rende l'idea come il libro di Capote che, sebbene scritto negli anni '60, ha uno stile moderno e potrebbe essere stato scritto dieci giorni fa.
Una curiosità: nel fare le ricerche per il libro, Capote si recò sui luoghi principali della storia con la sua amica d'infanzia la scrittrice Harper Lee, al quale è dedicato il libro.
Qualche anno prima lei aveva scritto il fatastico "Il buio oltre la siepe".

Nessun commento:

Posta un commento

Si pregano i Signori Commentatori di firmarsi sempre, di inserire il link al proprio sito (se c'è) e di evitare offese inutili (e anche quelle utili). Grazie.

(Please sign your comments, thanks)

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails